Calcio ‘multietnico’: i vantaggi delle diversità di etnie all’interno delle squadre

Calcio multietnico: diversità e vantaggi

Sempre più spesso ci si trova di fronte a squadre multietniche e sempre più spesso si può constatare come le diversità siano un vero e proprio valore aggiunto per le società sportive. Nel calcio multietnico, come negli altri sport di squadra, infatti, è stato provato che la diversità culturale, e non solo, non è affatto un limite.

Come vari studi hanno constatato negli anni, le diversità sono più che positive nel gioco di squadra. E per diversità non si intende solo la provenienza. Si intendono le differenze di etnia, certo, ma anche quelle di età, e di ruolo. Ogni squadra, nel calcio, così come negli altri sport di gruppo, ha le proprie caratteristiche, derivanti proprio dalle diversità di ogni giocatore.

Calcio multietnico: il valore della diversità

Secondo le ricerche compiute su tali argomenti, le diversità (età, etnie, stili di gioco) non ostacolano le prestazioni, ma anzi sono una sfida che può spronare la squadra a fare sempre meglio.

La diversità multietnica è sicuramente quella che più fa discutere. Ma come molte iniziative promosse da Sav (Sport Against Violence) hanno dimostrato in varie occasioni, creare dei team di calcio multietnico aiuta l’integrazione. Permette il superamento di barriere ideologiche e culturali. Crea amicizie e fa scoprire ad ognuno dei ragazzi in campo le proprie capacità, scontrandosi proprio con la diversità e con le capacità altrui.

Calcio multietnico diversità fanno bene alla squadra

Secondo uno studio, che ha esaminato le performance delle squadre di calcio europee che hanno partecipato alla Champions League tra il 2003 e il 2012, la diversità sarebbe una carta vincente. Non importa quale diversità ci sia all’interno di un team (etnica, culturale, anagrafica, etc.), l’importante è che una diversità ci sia, perché proprio da questa possono emergere interessanti risultati.

Gli esiti di questo studio hanno indicato come ci sia una forte relazione tra diversità e prestazioni della squadra. Tali risultati, dunque, spingono ad inserire, senza remore, le diversità di qualunque genere all’interno dei team di calcio e non solo, a qualunque livello, anche – anzi – soprattutto in serie A.

La diversità nello sport, dunque, non deve scandalizzare, ma aprire la mente e confermare che diverso è più bello e, a quanto pare, anche più vincente!