Si è conclusa la seconda edizione di Basket Beats Borders

La seconda edizione di Basket Beats Borders è giunta al termine! E’ difficile riassumere in poche parole la ricchezza di questa esperienza e delle emozioni che l’hanno accompagnata!
Vorremmo ringraziare tutt* coloro che, a vario titolo, hanno contribuito a realizzare il progetto e a rendere questi giorni insieme indimenticabili: le ragazze dell’Atletico San Lorenzo, les Bulles Fatales e gli All Reds che ci hanno messo testa, cuore e muscoli; il G.S. Esquilino che si è lasciato coinvolgere in questa avventura dimostrandoci solidarietà e vicinanza; le atlete della nazionale italiana di basket 3×3 che hanno incontrato a sorpresa il Palestine Youth Club, con una grande voglia di confronto umano e sportivo, un sorriso aperto e incoraggiante che ha regalato a tutt* un momento intenso ed emozionante; la Casa Internazionale delle Donne e Lucha Y Siesta che hanno aperto le porte delle loro sedi per permettere alle ragazze di conoscere le attiviste che a Roma lottano ogni giorno per l’autodeterminazione delle donne; il CSOA ex-Snia che ci ha accolti per l’evento del I Luglio e la Città dell’Utopia che ha ospitato la delegazione.
Grazie a chi ha contribuito tramite la campagna di crowdfunding e a quanti sono venuti ad incontrarci di persona.
Ricordando Gaetano e continuando a chiedere la scarcerazione di Ahed Tamimi e il sostegno al movimento BDS, vi salutiamo e vi invitiamo a continuare a seguirci!